ASIA/FILIPPINE - I leader cattolici: non si può governare il paese con gli omicidi [12/09/17 05:31PM]   
Hai giÓ votato per questo post!
Manila - "Nella cosiddetta crociata contro la droga lanciata dal presidente Duterte, le uccisioni extragiudiziali continuano con il ritmo di circa mille al mese. A essere colpiti sono soprattutto i poveri. Per comprendere la gravitÓ del fenomeno, basti pensare che sotto la dittatura di Marcos, uno dei periodi pi¨ bui della storia nazionale, se ne contavano 250 l'anno. Abbiamo un presidente serial killer e lo stato sta diventando uno stato-killer. Come cristiani non possiamo restare indifferenti": Ŕ l'allarme lanciato all'Agenzia Fides dal gesuita filippino Albert Alejo, antropologo e docente all'Ateneo di Manila University, impegnato con un gruppo di religiosi di altre congregazioni e di laici cattolici a sensibilizzare le coscienze per porre fine alla campagna di omicidi e di violazioni dei diritti umani che attraversa la nazione sotto la presidenza di Rodrigo Duterte. "C'Ŕ un disprezzo totale della vita umana, c'Ŕ l'impunitÓ per chi commette delitti, c'Ŕ la distruzione delle regole elementari dello stato di diritto e della democrazia: possiamo restare in silenzio o ignorare questa situazione'", si chiede il gesuita, interpellato dall'Agenzia Fides.
Il persistere della violenza perpetrata dalla polizia e da squadroni di vigilantes che eliminano piccoli spacciatori e tossicodipendenti ha generato di recente nuove reazioni dei Vescovi filippini. Il Cardinale Luis Antonio Tagle, Arcivescovo di Manila, ha dichiarato nei giorni scorsi che "il paese non pu˛ essere governato dalla violenza". "Con dolore e orrore si continuano a ricevere notizie quotidiane di omicidi, in gran parte vittime di sospetti spacciatori di droga o tossicodipendenti", ha rilevato. "Non possiamo permettere che la distruzione della vita diventi un fatto ordinario. Non si pu˛ governare la nazione con gli omicidi, questo non Ŕ umano", ha detto Tagle, mentre nella nazione si diffondono notizie su nuove indagini che vedono membri della polizia segretamente coinvolti nelle uccisioni extragiudiziali.
Il Cardinale ha invitato a un " cambiamento di cuore" e a riscoprire "l'inclinazione a fare il bene e ad amare il prossimo" e ha chiesto ai sacerdoti di mostrare solidarietÓ e vicinanza alle famiglie delle vittime, afflitte dal dolore. Per questo in molte diocesi filippine, inclusa Manila, alle 8 di ogni sera le campane delle chiese suonano per cinque minuti, invitando i fedeli a ricordare le vittime degli omicidi extragiudiziali e a pregare per loro.
Senza negare la presenza del problema della diffusione e del traffico di droga nella nazione, la Chiesa filippina ritiene ingiusti e inadeguati i mezzi per combattere il fenomeno. Per questo alla fine di agosto una speciale conferenza ha riunito vescovi, rappresenti del governo, autoritÓ di polizia, leader di organizzazioni non governative con l'obiettivo di sviluppare una partnership tra i diversi settori della societÓ e del governo, e avviare una proficua collaborazione per combattere la droga in modo diverso. "Spero che questo tipo di dialogo possa continuare a diversi livelli", ha detto il Cardinale.

>>


   Trackback

      URL di trackback: http://demo.blogghy.com/trackback/1596185

   Commenti

   Lasci un commento
Nome:


Email:


4 + 4 = ?

Si prega di scrivere sopra la somma di questi due numeri interi

Titolo:


Commenti:





Info. sull'autore

descrizione

Contatti l'Autore
Categorie

Tgcom 24
Washingtonpost
Fides Italian
Ultime Note
Hillary Clinton called Donald Trump a sexual assaulter. He responded with mere insults.
[20/11/17 09:15PM]
Trump calls elephant hunting a ‘horror show’ and suggests he’ll enforce a ban on trophy imports
[20/11/17 09:15PM]
Trump puts North Korea back on state sponsors of terrorism list to escalate pressure over nuclear weapons
[20/11/17 09:15PM]
OCEANIA/MICRONESIA - Nomina del Vescovo Coadiutore di Caroline Islands
[20/11/17 09:15PM]
AMERICA/MESSICO - La guerra fra poveri continua: da 40 anni ci si uccide per un confine
[20/11/17 09:15PM]
AFRICA/CENTRAFRICA - L’80% del paese in mano ai ribelli; un missionario: "Siamo lo stato più povero al mondo"
[20/11/17 09:15PM]
ASIA/INDONESIA - I Vescovi: rafforzare la nazione sostenendo la Pancasila
[20/11/17 09:15PM]
AFRICA/GHANA - I (dis)valori contemporanei minacciano la famiglia: i Vescovi a Convegno sull’Amoris Laetitia
[20/11/17 09:15PM]
ASIA/PAKISTAN - In memoria dei coniugi cristiani bruciati vivi: istruzione ai loro figli
[20/11/17 09:15PM]
ASIA/LIBANO - Crisi politica, i capi delle Chiese fanno quadrato intorno a Aoun
[20/11/17 09:15PM]
Trump halts Interior’s elephant trophy decision
[19/11/17 08:44AM]
ASIA/TURKMENISTAN - Sei nuovi battesimi nella Giornata Mondiale dei Poveri, mentre la povertà resta un tabù
[19/11/17 08:44AM]
NEWS ANALYSIS/OMNIS TERRA - Non solo carità: l'India tra la Giornata mondiale dei poveri e la demonetizzazione
[19/11/17 08:44AM]
AMERICA - “Guardare negli occhi i poveri", amando con i fatti e non a parole
[19/11/17 08:44AM]
ASIA/TURCHIA - Il Patriarca ecumenico riapre al culto la chiesa di Ay'Yorgi Edirnekapi a Istanbul
[19/11/17 08:44AM]
AFRICA/NIGERIA - L’arcivescovo Obinna: “I poveri sono il nostro tesoro”
[19/11/17 08:44AM]
AFRICA/TOGO - Un missionario togolese: "I popoli africani, artefici del loro destino"
[18/11/17 02:16AM]
AMERICA/PORTO RICO - Traumi, danni psicologici ed emotivi per le vittime degli uragani
[18/11/17 02:16AM]
AMERICA/NICARAGUA - I Vescovi: urge una profonda riforma elettorale
[18/11/17 02:16AM]
AFRICA/EGITTO - Richiesta la pena capitale per l'omicida del sacerdote copto Samaan. ll Gran Mufti dovrà approvare la sentenza
[18/11/17 02:16AM]
Album Foto








Powered by Blogghy

Page generated in 0.2473 seconds.